Home > Notizie > Casal di Principe: verso protocollo con il Governo sul sostegno alla città

Casal di Principe: verso protocollo con il Governo sul sostegno alla città

Creato il:  9 Luglio 2014

Il Presidente Flamment ha partecipato l’8 luglio a una riunione al ministero per gli Affari regionali, con il ministro Maria Carmela Lanzetta, il vice ministro dell'Interno Filippo Bubbico, il sindaco di Casal di Principe Renato Natale, il sottosegretario alla Pubblica amministrazione Roberto Reggi, quello agli Affari regionali Gianclaudio Bressa e il presidente di Invitalia Domenico Arcuri.

Al centro dell’incontro il protocollo d’intesa che sarà firmato entro i primi giorni di agosto per sostenere la cittadina campana di Casal di Principe. Con il protocollo il governo accoglie la domanda di aiuto che il sindaco Natale aveva rivolto direttamente al premier Renzi.

In attesa di sottoscrivere tra un mese l'intesa, ieri è stato firmato un primo documento di accordo che il sindaco Natale ha definito “di fondamentale importanza per cominciare a cambiare il volto del paese”.

Nell' accordo di agosto, saranno pianificati corsi di formazione per funzionari comunali e per giovani professionisti locali che in tre anni potrebbero aiutare a superare le difficoltà che si riscontrano nei diversi uffici. Soluzioni sono state delineate anche per la rete idrica e per gli istituti scolastici in questo momento senza agibilità e senza sicurezza. Per superare i limiti dettati dal dissesto finanziario è stata ravvisata l'eventualità di accedere a un mutuo che riesca a far superare il fallimento delle casse municipali nel giro di un anno. Nel protocollo, ma già nell'incontro dell'8 luglio, non sono mancati riferimenti all'abusivismo edilizio con le possibilità di risanamento urbano.

Il ministro Lanzetta ha dichiarato “Il protocollo a cui stiamo lavorando intende essere un punto di raccordo per garantire un sostegno agli amministratori coraggiosi del nostro Paese. Lo faremo cominciando da Casal di Principe, ma il nostro intervento interesserà anche i municipi limitrofi, creando aree tematiche che potranno svilupparsi anche in altre regioni, favorendo così anche i meccanismi di fusioni e unioni dei Comuni”.

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:28