Home > Notizie > Commissione europea: nasce il Passaporto Ue delle competenze per la ricettività

Commissione europea: nasce il Passaporto Ue delle competenze per la ricettività

Creato il:  30 Giugno 2014

La Commissione europea ha lanciato a giugno il Passaporto europeo delle competenze per la ricettività, strumento ideato per agevolare la presa di contatto tra le persone in cerca di occupazione e i datori di lavoro nel settore turistico e dell'ospitalità in Europa.
 
Uno studio su scala europea pubblicato alla fine del 2013 ha evidenziato che il settore della ricettività svolge un ruolo fondamentale nella lotta contro la disoccupazione giovanile ed è cruciale per l'occupazione e la crescita, nonché per lo sviluppo di altri settori.
 
Il Passaporto Ue delle competenze è il frutto di un'iniziativa della Commissione per l'occupazione, gli affari sociali dell’Unione europea, in collaborazione con Hotrec (associazione centrale che rappresenta gli alberghi, i ristoranti, i bar e strutture affini in Europa) e Effat, la federazione europea dell'alimentare, dell'agricoltura e del turismo e affini.
 
Tale innovazione consentirà ai lavoratori e ai datori di lavoro di incontrarsi a metà strada, superando problematiche quali le barriere linguistiche e di poter così comparare in maniera equa le competenze dei vari lavoratori che si candidano a posti di lavoro in tale settore, migliorandone l’assunzione. Così facendo, ottimizzando l’incontro tra offerta e domanda sul mercato del lavoro, si consente ai datori di lavoro di individuare rapidamente il personale competente di cui hanno bisogno.
 
Con il Passaporto delle competenze i lavoratori possono registrare in un formato di facile accesso tutte le abilità e competenze acquisite durante il loro percorso lavorativo e quello dell'istruzione e della formazione. E’ inoltre disponibile in tutte le lingue ufficiali dell’Unione europea ed è facilmente reperibile sul Portale europeo della mobilità professionale EURES. In futuro il Passaporto sarà esteso anche ad altri settori.
 
La Commissione europea ha annunciato che il Passaporto europeo delle competenze per la ricettività sarà il primo di una serie di passaporti consacrati a settori dell'economia europea contraddistinti da un'elevata mobilità. Uno degli obiettivi principali della Commissione europea è quello di sostenere la mobilità sul mercato del lavoro europeo, così da incrementare l’occupazione, soprattutto quella giovanile.
 
La Commissione europea, in collaborazione con HOTREC, EFFAT ed EURES, ha organizzato una serie eventi tra il 23 e il 27 giugno 2014 per promuovere il lancio del Passaporto Ue delle competenze e far conoscere a tutti i cittadini europei, questo nuovo strumento innovativo. 
 
Inoltre, è stata fatta una campagna per pubblicizzare questi eventi, anche attraverso i social media delle organizzazioni aderenti, e per sensibilizzare  soprattutto i giovani in cerca di lavoro, ma anche i vari datori di lavoro del settore della ricettività e del turismo, in cerca di assunzioni.

Fonte:Rapid
 
A cura dell'Ufficio Attività Internazionali 

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:28