Home > Notizie > Cosa rimane di “formazione” oggi? Note preliminari per un’esplorazione diacronica di un concetto e di una pratica.

Cosa rimane di “formazione” oggi? Note preliminari per un’esplorazione diacronica di un concetto e di una pratica.

Creato il:  5 Novembre 2012


 
N.74 NOVEMBRE - DICEMBRE 2012
 
 
di DOMENICO LIPARI*

Nelle pagine che seguono, cercherò di esplorare le traiettorie diacroniche del concetto di “formazione” e delle pratiche alle quali esso rinvia. Si tratta di un concetto che qui assumo nell’accezione convenzionale con cui è utilizzato nel gergo professionale e di senso comune che sta ad indicare il vasto campo delle attività educative extra/post formali: 1) rivolte a soggetti adulti già impegnati nella (o da avviare alla) vita professionale; 2) legate (direttamente o indirettamente) al mondo del lavoro e delle organizzazioni; 3) orientate, nei concreti contesti in cui sono realizzate, da finalità di apprendimento che riguardano al tempo stesso le dimensioni cognitive, esperienziali e relazionali degli attori implicati.
Il fatto di accettare – sia pure convenzionalmente e con le necessarie cautele – questa denominazione della quale si fa largo uso (anche se solo in italiano e nelle lingue neolatine e non in inglese, ad esempio - e neppure in tedesco che usa il ben più efficace concetto di Bildung) e il cui significato, proprio per questa ragione, è condiviso dalla comunità di quanti si riferiscono alle pratiche alle quali questo termine/concetto rinvia, non esclude la necessità di un ragionamento critico orientato a chiarire le ragioni per le quali, dal mio punto di vista, l’uso del termine “formazione” sarebbe da evitare e ciò non tanto per motivi di precisione linguistica, quanto perché, nelle condizioni attuali delle pratiche alle quali allude, è diventato un concetto ambiguo oltre che inadeguato per descrivere le azioni, gli approcci e i metodi legati ai processi di apprendimento. (leggi tutto)
 
 
 
Questo articolo è stato pubblicato nel 2011 dalla rivista “Catechesi”,  numero 6, luglio-agosto 2010-2011, pp. 3-18.
*Domenico Lipari, sociologo, ricercatore indipendente, è docente presso la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione di Roma.
 
 

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:27