Home > Notizie > Dati aperti, sicurezza informatica, promozione piattaforme on line, gli ambiti di miglioramento della strategia per il mercato unico europeo

Dati aperti, sicurezza informatica, promozione piattaforme on line, gli ambiti di miglioramento della strategia per il mercato unico europeo

Creato il:  15 Giugno 2017

Ad inizio maggio la Commissione europea ha pubblicato la revisione intermedia della strategia per il mercato unico digitale per riflettere sui progressi compiuti fino ad ora. Il mercato unico digitale è una delle principali priorità della Commissione Juncker. Un mercato unico digitale funzionante a pieno regime potrebbe apportare ogni anno alla nostra economia un contributo di 415 miliardi di euro e creare centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro.

La Commissione invita dunque i colegislatori ad esprimersi rapidamente su tutte le 35 proposte legislative e iniziative politiche già presentate e propone nuovi interventi in materia di piattaforme online, economia dei dati e sicurezza informatica. Tre sono stati gli ambiti principali individuati dalla Commissione in cui è necessaria un'azione più incisiva da parte dell'Unione europea:

1) lo sviluppo completo delle potenzialità dell'economia dei dati europea: in questo settore la Commissione sta preparando un'iniziativa legislativa sul libero flusso transfrontaliero dei dati non personali (autunno 2017) e un'iniziativa sull'accessibilità e il riutilizzo di dati pubblici e dei dati raccolti grazie all'impiego di fondi pubblici (primavera 2018). Inoltre, la Commissione continuerà ad occuparsi di responsabilità e di ogni altra questione che si manifesterà in materia di dati;

2) la soluzione dei problemi della sicurezza informatica per proteggere i punti di forza dell'Europa: in questo settore la proposta è quella di riesaminare, entro settembre 2017 la strategia dell'UE per la cibersicurezza e il mandato dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza delle reti e dell'informazione (ENISA), al fine di allinearlo al nuovo quadro normativo UE in materia. La Commissione si adopererà inoltre per proporre ulteriori misure relative a norme, certificazioni ed etichettature in materia di sicurezza informatica, al fine di proteggere maggiormente gli oggetti connessi dai rischi di attacchi informatici;

3) la promozione delle piattaforme online in quanto attori responsabili di un ecosistema Internet equo: in questo caso la Commissione europea elaborerà, entro la fine del 2017, un'iniziativa per porre rimedio al problema delle clausole contrattuali abusive e delle pratiche commerciali scorrette che sono state segnalate nei rapporti tra piattaforme e imprese. Recentemente essa ha inoltre adottato decisioni di applicazione della politica della concorrenza legate a tali problematiche. La Commissione ha avviato una serie di dialoghi con le piattaforme online all'interno del mercato unico digitale (ad esempio, nel quadro del forum dell'UE su Internet e dei dibattiti relativi al codice di condotta sull'incitamento illegale all'odio online e al protocollo d'intesa sulla vendita di merci contraffatte via Internet) e progetta di garantirne un migliore coordinamento in futuro. Uno degli obiettivi è procedere con il lavoro sugli aspetti procedurali e sui principi relativi alla rimozione dei contenuti illegali garantendo la trasparenza e il rispetto dei diritti fondamentali.

Questa revisione della strategia  tiene conto delle nuove sfide e delle nuove tecnologie, considerato il maggior bisogno di infrastrutture informatiche sicure in tutte le regioni dell'UE, affinché tutti possano godere di una connettività ad alta velocità in tutta sicurezza. L’obiettivo è quello di  garantire che anche i dati non personali possano circolare liberamente, in modo da rendere possibile l'utilizzo delle automobili connesse e dei servizi di sanità elettronica.

La Commissione ha inoltre esaminato  la necessità di ulteriori investimenti in infrastrutture e tecnologie digitali in settori in cui le esigenze di investimento vanno ben al di là della capacità dei singoli Stati membri, ad esempio nel settore del calcolo ad alte prestazioni.

Staff Europe Direct

Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:29