Home > Notizie > Gestione siti archeologici, stumenti digitali per interazione turisti: i risultati del Twinning Giordania

Gestione siti archeologici, stumenti digitali per interazione turisti: i risultati del Twinning Giordania

Creato il:  1 Aprile 2015

Con il patrocinio del Ministro giordano del Turismo e delle Antichità, Nayef Al-Fayez, la Giordania, l’Italia e l’Unione Europea hanno celebrato lunedì 30 marzo 2015 la chiusura del progetto di gemellaggio amministrativo/Twinning “Strengthen the institutional tourism system in Jordan by enhancing the capacities of the Ministry of Tourism and Antiquities” (Sostegno al sistema turistico istituzionale della Giordania con il rafforzamento delle capacità del Ministero del Turismo e delle Antichità).
 
Il gemellaggio ha visto la collaborazione fra il Ministero giordano del Turismo e delle Antichità e il MiBACT, capo di un ampio partenariato di cui fanno parte Formez PA, Regione Toscana, Comune e Provincia/Città metropolitana di Firenze. Il progetto è stato finanziato dall’Unione europea e ha avuto una durata di diciotto mesi, da ottobre 2013 a oggi.
 
Il progetto di gemellaggio, mirato al rafforzamento delle capacità istituzionali e tecniche del Ministero giordano del Turismo e delle Antichità, ha supportato lo stesso Ministero nell’implementare strategie nel campo del turismo e della conservazione dei beni culturali, per incoraggiare una crescita sostenibile del turismo e ottimizzarne il contributo allo sviluppo socioeconomico del Paese. I risultati sono stati ottenuti attraverso esperti italiani che hanno compiuto missioni in Giordania per lavorare insieme ai funzionari locali su vari progetti, con attività formative a livello centrale e locale per i funzionari ministeriali e per le comunità locali, con visite di studio e soggiorni in Italia dei funzionari giordani.
 
Durante la cerimonia è stata presentata una panoramica delle attività e dei risultati del progetto di gemellaggio, con speciale risalto allo sviluppo di nuovi prodotti turistici, alla gestione dei siti archeologici e in particolare del sito UNESCO di Umm ar-Rasas, alla creazione di strumenti digitali innovativi per la promozione della Giordania come destinazione turistica stabile e sicura e per l’interazione con i turisti.
 
Nel corso dell’evento di chiusura, al quale hanno partecipato alti rappresentanti istituzionali tra cui  il Ministro giordano del turismo, Nayef Al-Fayez, l’Ambasciatore italiano Patrizio Fondi e un rappresentante dell’Unione Europea, tutti gli interventi istituzionali hanno confermato l’interesse a che la collaborazione fra Italia e Giordania nel campo del turismo e della cultura sia confermata e intensificata, con particolare riferimento all’esperienza italiana nel campo delle riforme della pubblica amministrazione, nella gestione dei siti patrimonio dell’UNESCO e degli attrattori culturali e turistici.

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:29