Home > Notizie > L’esperienza valida. Teorie e pratiche per riconoscere e certificare le competenze, Carocci, Roma 2013. P. Reggio, E. Righetti (a cura di)

L’esperienza valida. Teorie e pratiche per riconoscere e certificare le competenze, Carocci, Roma 2013. P. Reggio, E. Righetti (a cura di)

Creato il:  5 Novembre 2013

FORMAZIONE E CAMBIAMENTO N. 80 NOVEMBRE - DICEMBRE 2013
 
Recensione
 
 L’esperienza di lavoro e di vita è preziosa per chi la fa. Attraverso di essa impariamo e sviluppiamo competenze. L’esperienza  non è solo un modo per diventare competenti, ma è soprattutto apprendimento, patrimonio personale di conoscenza del soggetto.  Essa dice ciò che sappiamo e sappiamo fare. Per essere valida necessita, però, di essere socialmente riconosciuta.
A questa esigenza rispondono le pratiche di riconoscimento e validazione degli apprendimenti acquisiti attraverso l’esperienza in contesti informali e non formali. Pratiche che si completano con la successiva certificazione delle competenze, basata su standard istituzionalmente definiti. I quadri normativi europeo ed italiano sono ormai delineati e permettono, anzi richiedono, oggi, l’attivazione di procedure di riconoscimento e validazione. Nel volume si considerano lo stato del dibattito scientifico sul tema e gli esiti di significative sperimentazioni realizzate, in questi anni, in realtà  differenti: università, formazione professionale, azienda, servizi di educazione degli adulti. In particolare, viene  proposto  il dispositivo E.V.A. (esperienza, validazione, apprendimenti) elaborato a seguito di numerose sperimentazioni e già in utilizzo in diversi contesti. Il testo è rivolto a responsabili ed  operatori delle politiche attive del lavoro e della formazione, come strumento operativo per dare valore sociale ai saperi che le persone maturano  nella quotidianità di lavoro e di vita sociale.

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:28