Home > Notizie > L'Europa in aiuto alle popolazioni vittime del sisma: aumentano i pagamenti anticipati

L'Europa in aiuto alle popolazioni vittime del sisma: aumentano i pagamenti anticipati

Creato il:  30 Gennaio 2017

 

Nelle regioni colpite, le autorità italiane potranno integrare la quota dei 21 milioni di euro di fondi UE ricevuti a luglio 2016 stanziata per le regioni colpite dal sisma con fondi nazionali fino al 200%, triplicando così il sostegno finanziario disponibile.

Lo ha stabilito una riunione, lo scorso 23 gennaio, a Bruxelles, a margine del Consiglio "Agricoltura", tra il Commissario Hogan e Maurizio Martina, Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, per dare una risposta concreta alle aree che sono state devastate dal sisma In Italia e per dimostrare solidarietà alle persone colpite.

La Commissione europea ha deciso anche di aumentare dall'85 al 100% la percentuale di pagamenti anticipati per alcune misure di sviluppo rurale. Per ridurre la pressione sulle amministrazioni locali, questa possibilità sarà accompagnata dal rinvio da marzo a giugno 2017 del termine per la presentazione delle relazioni sui controlli relativi ad alcune misure di sviluppo rurale.

Inoltre, la Commissione accoglierà la richiesta dell'Italia di aumentare i settori per i quali ha già autorizzato i pagamenti anticipati per alcuni regimi di pagamento diretto e ha acconsentito ad anticipare il pagamento di alcune misure di sviluppo rurale.

Le autorità italiane hanno già annunciato che utilizzeranno parte dell'importo ricevuto nell'ambito del pacchetto di aiuti di luglio come sostegno una tantum per capo di bestiame (bovini, ovini/caprini, suini), quale reddito per superare l'anno interessato dalla catastrofe naturale, che sarà pagato esclusivamente nei comuni colpiti dal sisma (cofinanziamento UE/Stato membro).

La politica di sviluppo rurale dell'UE può finanziare il ripristino del potenziale agricolo e forestale danneggiato dal recente terremoto. La riassegnazione di fondi, finalizzata a rafforzare le misure già disponibili, può essere adottata rapidamente. La Commissione prevede che le regioni interessate presentino proposte di modifica dei loro programmi.

Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:29