Home > Notizie > Linea Amica: boom di richieste sulla IUC e sulle nuove regole per il rinnovo della patente

Linea Amica: boom di richieste sulla IUC e sulle nuove regole per il rinnovo della patente

Creato il:  20 Gennaio 2014

Preso d’assalto dai cittadini per conoscere la neonata IUC  il servizio Linea Amica, il centro di contatto multicanale che assiste i cittadini nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (numero verde 803.001 da fisso, 06.828.881 da cellulare, sito www.lineaamica.gov.it), gestito da Formez PA su iniziativa del Dipartimento della Funzione Pubblica.
Prevista dalla legge di Stabilità per il 2014 (legge 27 dicembre 2013, n. 147) la nuova tassa (Imposta Unica Comunale) ingloba: IMU: tassa sugli immobili, la TARI: tassa sui rifiuti e la TASI: imposta sui servizi indivisibili dei Comuni.
 
Le richieste di informazioni, concentrate in questa prima metà di gennaio - hanno riguardato in particolar modo la TASI: a cosa si riferisce il tributo, da chi deve essere pagato, se sono esenti le prime case, quali le scadenze e le aliquote massime, eventuali riduzioni. Linea Amica, facendo riferimento alla normativa nazionale, ha fornito informazioni generali sulla natura del tributo (tassa sui servizi indivisibili come ad es. la manutenzione strade, illuminazione città, ecc) su chi deve pagarlo (sia il possessore sia in parte l’utilizzatore dell’immobile ) e sulla tipologia di immobile tassato (va pagato sia per la prima casa sia per la seconda), rimandando ai regolamenti comunali per gli ulteriori dettagli.
 
In vista della prossima scadenza del 24 gennaio numerose le chiamate anche sulla cosiddetta ‘mini-Imu’, la tassa dovuta da chi risiede nei comuni che hanno deciso l’aumento delle aliquote Imu per il 2013 e dovranno ora versare la differenza al 40% tra l’aliquota base al 4 per mille e quella decisa in aumento dal Comune.
 Le richieste più frequenti: codice tributo, aliquote, presenza del proprio comune nella lista dei comuni che hanno deciso l’aumento delle aliquote.

Diverse anche le richieste di cittadini preoccupati di conoscere le nuove procedure per il rinnovo della patente. La nuova modalità, entrata in vigore il 9 gennaio 2014, prevede che venga abolito il vecchio bollino da apporre sul documento. Un nuovo formato, con foto aggiornata e conforme al modello comunitario, verrà recapitato direttamente a casa o sul luogo di lavoro.
Nel caso di mancato ricevimento del documento entro 15 giorni dalla visita medica, il cittadino può contattare il numero verde 80097416. Invariato il costo delle procedure sempre a carico del richiedente.

I NUMERI DI LINEA AMICA
Sono circa 32.000 i contatti registrati a dicembre 2013 da Linea Amica e quasi 12.000 le istanze gestite, con un gradimento degli utenti per il servizio del 92,6%. Il Portale degli italiani www.lineaamica.gov.it ha registrato una media giornaliera di circa 8.300 visite 14.300 visualizzazioni di pagina. Le strutture di contatto con il cittadino aderenti al Network di Linea Amica salgono a 1.273.

CHI È IL CITTADINO CHE CONTATTA LINEA AMICA
A dicembre 2013 i clienti di Linea Amica sono stati soprattutto uomini (55,2%), di età compresa tra i 31 e i 45 anni (48,7%) e provenienti soprattutto da Lazio (29,1%), Lombardia (13,6%) e Campania (12,6%). Anche se il telefono si conferma il canale di accesso preferito dagli utenti (77,5%), cresce leggermente l’uso del web (e-mail, app, chat, social network).
 
COSA CHIEDE IL CITTADINO DI LINEA AMICA
Nell’83,5% dei casi i cittadini hanno contattato Linea Amica per avere informazioni, nel 12,4% per problemi da risolvere. Le richieste hanno riguardato soprattutto “Dialogo del cittadino con la PA” (20,9%), “Lavoro e Carriere” (13,9%), “Previdenza” (11,7%), Tasse (10,7%), Trasporti (9,6%), Casa (9,4%).
 
Sul sito del Ministero per la Pubblica Amministrazione e la Semplificazione è disponibile l’ultimo rapporto mensile sul servizio Linea Amica

Canone RAI: chi ha diritto all’esenzione e alla rateizzazione
Si è rivolto al servizio Linea Amica un cittadino di 71 anni, pensionato per chiedere la possibilità di esenzione dal pagamento del canone RAI.
Gli operatori hanno risposto che hanno diritto all’esenzione del canone Rai i soggetti che hanno compiuto i 75 anni di età entro il termine di pagamento del canone (31/1/2013) e se dichiarano redditi, cumulati con quelli del coniuge convivente, non superiori a 6.713,98 euro annui.
Possibile anche la rateizzazione del canone sempre per i pensionati con redditi dichiarati non superiori a 18.000 euro, che ne fanno richiesta all’ente pensionistico - entro il 15 novembre dell’anno precedente – che opererà una trattenuta mensile sulla pensione . La richiesta ha validità annuale.
Per tutti gli altri è possibile pagare l’importo annuale anche in due o quattro tranche:
• 113.50 euro entro il 31 gennaio (pagamento annuale)
• 57,92 euro: 31 gennaio e 31 luglio (pagamento semestrale)
• 30,16 euro: 31 gennaio, 30 aprile, 31 luglio e 31 ottobre (pagamento a rate)

Escluse le commissioni dovute per il versamento postale o per le altre modalità di pagamento.

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:28