Home > Notizie > Madia: “Solo con l’ingresso dei giovani si può davvero rinnovare la PA”

Madia: “Solo con l’ingresso dei giovani si può davvero rinnovare la PA”

Creato il:  2 Aprile 2014

Semplificare la Pubblica Amministrazione. Dare attuazione alle norme già esistenti. Valorizzare le professionalità anche attraverso processi virtuosi di rinnovamento. Rendere i dirigenti protagonisti della riforma della PA. Adottare delle misure a garanzia delle pari opportunità e della conciliazione vita/lavoro. Usare la spending review per una riorganizzazione efficiente dello Stato senza sterili tagli lineari.

Sono queste le sei linee programmatiche illustrate dal Ministro per la Semplificazione e la PA Marianna Madia, in audizione presso le Commissioni riunite Affari Costituzionali e Lavoro della Camera dei Deputati il 2 aprile 2014.
 
GUARDA L'AUDIZIONE DEL MINISTRO MADIA
 
LEGGI L'INTERVENTO DEL MINISTRO
 
"Abbiamo un grande progetto di staffetta generazionale, con un processo di riduzione non traumatica dei dirigenti e dei dipendenti vicini alla pensione per favorire l'ingresso di giovani - ha dichiarato Madia a proposito della valorizzazione delle professionalità. “Se non si fa - ha detto ancora - non ci può essere rinnovamento della PA, ma solo agonia".
 
"Non crediamo che serva il blocco del turn over - ha precisato - mentre è invece indispensabile un ricorso alla mobilità, non solo all’interno della stessa PA, ma anche ai diversi livelli amministrativi, per allargare il perimetro dello Stato e renderlo più efficiente”.  
 
Madia ha sottolineato anche che sulla spending review intende "non solo far rispettare gli obiettivi di spesa che come Governo ci daremo, ma attuare un piano strutturale di risparmio vincolato ad un ritorno di investimento nella PA".

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:28