Home > Notizie > Mercato del lavoro tra rete e social innovation

Mercato del lavoro tra rete e social innovation

Creato il:  2 Dicembre 2013

di Laura Ciattaglia*

I tre tavoli del workshop organizzato a The Hub Roma nell’ambito del progetto “Servizi innovativi per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro” di Formez PA hanno avuto il precipuo scopo di valorizzare iniziative di social innovation, studiare il modo per colmare il gap tecnologico e favorire le start up, al fine di aiutare i giovani a trovare occupazione e a restare in Italia.
 
Esperti del settore, insieme a numerosi partecipanti provenienti da varie Regioni d’Italia, hanno ampiamente dibattuto, dopo l’apertura dell’incontro in “plenaria”, nei “Panel - Open data, tra doveri e opportunità”, “Panel - Social media” e “Panel - Smart services”, approfondendo in particolare come la galassia dei Social Network stia cambiando l’approccio al mondo del lavoro e come ci sia la necessità di mettere a punto un preciso quadro d’indirizzo tenendo conto delle esigenze di ciascuna categoria.
 
A dimostrazione di ciò, ha evidenziato Chiara Fontana del Ministero del Lavoro, i dati che emergono dall’account su Facebook del portale nazionale "Cliclavoro": dei circa 50mila fan, il 65% sono donne e il 61% del totale ha tra i 25 e i 34 anni. La maggioranza sono neolaureati in cerca di primo impiego o disoccupati che provengono per lo più da città del Centro Sud come Roma, Napoli, Bari, Palermo e Catania.
 
È stata in sostanza l’occasione per affrontare una serie di questioni la cui soluzione servirebbe a favorire l’evoluzione delle politiche pubbliche e per soffermarsi sull’impegno di Formez PA per modernizzare il sistema dei servizi e affrontare gli effetti della crisi economica.
 
Un’azione svolta per comprendere a fondo le criticità delle amministrazioni, invitate a raccontare progetti di implementazione di servizi innovativi, poi analizzati dall’Istituto attraverso la collaborazione di esperti e consulenti, ma anche per verificare il loro orientamento, il livello di informatizzazione dei servizi e mirare a un incrocio tra domanda e offerta.
 
Dalla lettura attenta delle esperienze presentate e sulla scorta delle attività di ricerca realizzate da Formez PA negli ultimi anni, sono emerse alcune importanti direttrici come l’urgenza di aprire gli uffici per il lavoro verso l’esterno e di saper leggere e conoscere in modo capillare il proprio territorio con particolare riferimento all’ambito imprenditoriale e scolastico.
 
Per quanto concerne le aziende, è chiara la necessità dei CPI di stabilire raccordi forti e duraturi con il tessuto locale per acquisire, e di conseguenza diffondere, informazioni sulle vacancies disponibili.
 
Sarà utile inoltre definire nuovi piani di marketing e implementare i propri siti istituzionali in raccordo con Cliclavoro anche se, come è emerso dal workshop, alla base di tutto ci deve essere l’interoperabilità dei sistemi e la volontà di potenziare i centri e di ampliare la gamma dei servizi che offrono (gli addetti sono circa 6.600).
 
In tale ottica rientra il bisogno di qualificare le competenze degli operatori dei CPI, anche attraverso lo sviluppo di reti e network territoriali, sottoscrivere accordi con università, enti e associazioni che operano nel mercato e intervenire e ottimizzare gli assetti organizzativi delle amministrazioni, i modelli gestionali e le modalità di erogazione dei servizi in considerazione del fatto che ci si trova di fronte a un’utenza sempre più esigente composta da cittadini che richiedono risposte adeguate e da imprese che esigono personale specializzato da inserire nelle proprie strutture.
 
E, non ultimo, migliorare l’accesso e l’utilizzo delle banche dati istituzionali, in particolare quella dei percettori di sostegno al reddito dell’INPS, anche in vista della costituzione della Banca dati delle politiche attive e passive prevista dal decreto n. 76/2013. Ciò al fine di facilitare una omogenea applicazione su tutto il territorio nazionale sia dell’interpretazione della relativa normativa che dell’attività operativa e informatica.
 
*Responsabile del progetto “Servizi innovativi per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro” 

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:28