Home > Notizie > Nuovi criteri di progettazione in zona sismica

Nuovi criteri di progettazione in zona sismica

Creato il:  21 Maggio 2010

Funzionari e Tecnici delle circa 60 amministrazioni pubbliche dell’area del cratere sono i destinatari dei quattro corsi di formazione organizzati da FormezItalia d’intesa con la Regione Abruzzo e con il supporto tecnico scientifico dell’Ufficio rischio sismico del Dipartimento della Protezione Civile.

L’iniziativa rientra in una delle azioni del Progetto GEA – Gestione Emergenza Abruzzo - avviato  nel novembre 2009 con una donazione di un milione di euro da parte della JTI (Japan Tobacco International) Foundation al Formez. Si tratta in particolare della Linea 2 del Progetto, intitolata “Sostenere il processo di ricostruzione nella logica del recupero e della prevenzione”.

Il 24 maggio a L'Aquila, presso l'Auditorium Comando Regionale Corpo Forestale dello Stato in via delle Fratte (Sant'Elia) sono state presentate le attività formative. Sono intervenuti il Direttore Generale di Formez PA, Marco Villani, l'Assessore alla Protezione Civile della Regione Abruzzo, Daniela Stati, il viceprefetto reggente, Fiorella Patrizi, il dirigente del DFP, Gabriella Salone, il Capo Ufficio Studi e Addestramento della Scuola della Guardia di Finanza di Coppito, Paolo Carretta. Il prof. Mauro Dolce, Direttore Ufficio Valutazione, Prevenzione e Mitigazione del rischio sismico e Attività e Opere post-emergenza - DPC, ha tenuto una lectio magistralis dal titolo "Rischio sismico, classificazione e normativa: dalla conoscenza scientifica all'applicazione". A seguire, lo staff di FormezItalia ha presentato i corsi e le metodologie di lavoro e, infine, il Direttore Generale Ambiente e Protezione Civile della Regione Abruzzo, Carlo Visca, ha concluso la giornata.

Guarda la sintesi videogiornalistica dell'evento

I corsi del Progetto Gea sono articolati in moduli di due giorni settimanali per un totale di 10 lezioni in aula e 5 esercitazioni sul campo, in molti casi proprio nei luoghi del disastro. L’obiettivo dei corsi è duplice: da un lato, si punta alla formazione del personale degli enti pubblici che insistono nell’area del cratere, dall’altro, si intende favorire una chiara definizione del quadro normativo al cui interno si svolgono i percorsi delle nuove costruzioni e della ricostruzione dell’edificato esistente danneggiato, in una logica volta a valorizzare le strategie ricostruttive e conservative del patrimonio culturale e architettonico.

“Il Formez – ha affermato Marco Villani – attraverso questi corsi vuole raggiungere l’obiettivo della diffusione dei nuovi criteri di progettazione in zona sismica e la conoscenza delle procedure, delle norme e degli strumenti per agire efficacemente nella fase di avvio della ripresa. Per l’edificato di interesse storico artistico, vogliamo muoverci, nella logica del recupero degli edifici danneggiati, con l’obiettivo di far raggiungere un livello di sicurezza ottenibile realizzando interventi di miglioramento, compatibili con le esigenze di tutela del bene”.

Il Direttore della Protezione Civile Abruzzese, Carlo Visca ha espresso il ringraziamento della Regione “per un’iniziativa formativa di alto livello a favore delle P.A. abruzzesi che costituisce un ulteriore tassello nel mosaico delle azioni volte alla ripianificazione del territorio e alla riqualificazione dell’abitato per un’armonica ricostruzione del tessuto urbano abitativo e produttivo”.
I corsi prenderanno il via il 31 maggio 2010, presso la sede della Scuola della Guardia di Finanza di Coppito, coinvolgendo almeno 120 tecnici.

 

Brochure della giornata di presentazione del 24 maggio e scheda di iscrizione

Locandina della giornata di presentazione

Calendario Corsi GEA - Sismica

Lettera Invito Partecipanti

Partecipazione per edizione e provenienza

Scheda iscrizione corsi GEA

Leggi la notizia sulla presentazione del progetto

Corsi Sismica

 

 

 

 

 

 

 

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:27