Home > Notizie > Occupazione giovanile: un fondo specifico da 6 miliardi di euro

Occupazione giovanile: un fondo specifico da 6 miliardi di euro

Creato il:  14 Luglio 2014

La Commissione europea ha organizzato l’11 luglio 2014 a Bruxelles un incontro tra esperti della Commissione e degli Stati membri, per esaminare la programmazione dell’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile (IOG), proposta dal Consiglio europeo a febbraio 2013, con un budget di 6 miliardi di euro per il periodo di programmazione 2014-2020.
 
Tale iniziativa intende sostenere, nelle Regioni dell'Unione che abbiano registrato un tasso di disoccupazione giovanile del 25% nel 2012, quei giovani senza lavoro che non siano attualmente impegnati in percorsi di istruzione o formazione. Inoltre, quest'iniziativa andrebbe ad integrarsi con altri progetti intrapresi a livello nazionale, compresi quelli che utilizzano il Fondo Sociale Europeo (FSE), in vista della costituzione o dell'attuazione dei regimi di garanzia dei giovani, come la riforma delle istituzioni e dei servizi competenti.
 
Il seminario ha avuto l'obiettivo di trovare delle soluzioni concrete ed immediate per far sì che, tutti gli Stati membri ammessi al programma, possano ricevere velocemente i finanziamenti disposti. La somma stanziata per tale iniziativa (circa 6 miliardi di euro), alla quale partecipa anche il Fondo sociale europeo (FSE), si riferisce al periodo 2014-2020 ed è rivolta in maniera specifica ai cd. NEET (Not in Education, Employment or Training), cioè a quei giovani che hanno meno di 25 anni (o non più di 29 anni, in base alla delibera di alcuni Stati Ue), che non studiano più, che non sono inseriti in alcun percorso di formazione e che non lavorano.
 
László Andor, Commissario responsabile per l’occupazione, gli affari sociali e  l’inclusione, ha dichiarato: "Molti Stati membri stanno implementando attivamente delle misure per tradurre nella realtà il sistema di Garanzia per i giovani grazie all’apporto dei 6 miliardi di euro per l’iniziativa a favore dell’occupazione giovanile e grazie al sostegno del Fondo sociale che ammonta a più di 10 miliardi di euro all’anno IOG è chiamato a svolgere un ruolo essenziale poiché sosterrà direttamente i giovani offrendo loro una prima esperienza lavorativa, un tirocinio, un apprendistato o dei corsi di formazione. Il seminario intende aiutare gli Stati membri ad accelerare la programmazione delle misure a sostegni dei giovani e assicurare che si faccia il miglior uso delle somme investite".
 
Gli Stati membri che usufruiranno di questo finanziamenti sono 20 e sono quelli che, nell’anno 2012, in alcune loro regioni avevano più del 25% di disoccupazione giovanile; all’Italia andranno 530 milioni, con i quali dovrà assicurare al mondo giovanile offerte di lavoro, prosecuzione del percorso scolastico e tirocini. Finanziando l'erogazione diretta di posti di lavoro, apprendistati, tirocini o proseguimento dell'istruzione, l'iniziativa per l'occupazione giovanile sostiene direttamente la messa in atto di sistemi nazionali di Garanzia per i giovani.
 
I governi nazionali dovranno presentare dei programmi che contengano le norme con cui impiegare tali finanziamenti a favore dei giovani, in modo da ottenere l’approvazione della Commissione europea.
 
Attualmente, tutti i 28 Stati membri dell’Unione europea hanno avanzato i loro piani di attuazione della Garanzia per i giovani e stanno muovendo i primi passi per porre in atto i loro sistemi di Garanzia per i giovani.
 
Fonte: Rapid e DG Occupazione, Affari Sociali e Occupazione

A cura dello Staff Europe Direct Roma

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:28