Home > Notizie > Progetto Appalto Sicuro: raccolte oltre 1200 adesioni ai corsi di formazione

Progetto Appalto Sicuro: raccolte oltre 1200 adesioni ai corsi di formazione

Creato il:  11 Gennaio 2012

“Abbiamo raccolto oltre mille adesioni. Anzi, per la precisione, sono ben 1254. Sino ad oggi sono stati formati 274 discenti in 14 aule. Altre otto sono in corso con 230 partecipanti, in attesa delle nuove che prenderanno il via a marzo”. Eugenio Urbani, responsabile del progetto “Appalto sicuro”, è soddisfatto del risultato sin qui ottenuto. Il compito della sua squadra era cercare di sensibilizzare le istituzioni locali su un argomento di pregnante attualità e organizzare delle lezioni qualificate sull’argomento. “Sin dal principio – afferma Urbani – ci siamo resi conto di dover affrontare una sfida difficile, ma l’impegno non è mancato sia da parte mia che dei miei stretti collaboratori Roberto Pizzonia, Francesca Rocchi, Emilio Pucciariello, nonché del responsabile della piattaforma e-learning, Stefano Mustica, e dei tutor Elisa Cazzato, Anna Varlese, Federica Delli Zotti e Arlinda Zykaj  anche per via della fiducia riposta nel nostro lavoro dal supervisore dell’iniziativa, il direttore area politiche settoriali di Formez PA Arturo Siniscalchi”.

Una medicina che potrebbe rivelarsi efficace nella lotta alle infiltrazioni malavitose nel settore degli appalti pubblici, visti i consensi sinora raccolti dal progetto sorto nell’ambito delle regioni dell’Obiettivo convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia) da un’intesa tra il Dipartimento di Pubblica sicurezza del Ministero dell’Interno e la Presidenza del Consiglio dei ministri (Dipartimento della Funzione pubblica), finanziato dal PON Sicurezza 2007-2013 e curato da Formez PA.

Il percorso formativo, imperniato sulla dettagliata analisi del codice di regolamentazione degli appalti, ha una durata di 60 ore complessive e si conclude con i test di verifica finale. La prima e l’ultima lezione si tengono in aula (6 ore ciascuna), intervallate da un periodo di due mesi di formazione a distanza con la formula “blended learning”, dimostratasi valida e “che ha avuto il gradimento di tutti”, conferma Urbani che rilancia: “Abbiamo aperto un ulteriore forum di supporto, nella piattaforma www.appaltosicuro.it, dove tutti gli iscritti al corso, vecchi e nuovi, possono continuare a porre quesiti ai docenti e confrontarsi tra loro”.

Intanto, a fine gennaio si terrà un seminario di presentazione del progetto agli enti locali presso la prefettura di Lecce con l’intervento del prefetto della città salentina, Giuliana Perrotta. A fine febbraio vi sarà invece la prova conclusiva di autovalutazione per le otto aule in corso e a marzo ne partiranno altre dodici che coinvolgeranno 354 iscritti.
“L’esito positivo sin qui raggiunto dal corso – conclude Urbani – è un segno tangibile di quanto sia sentito il problema soprattutto nel Mezzogiorno e un invito a non abbassare la guardia. Per questo occorre una buona preparazione sulla materia, affiancando  al lavoro svolto dalle forze dell’ordine e dalle pubbliche amministrazioni contro la dilagante corruzione un’adeguata formazione basata sulla conoscenza delle leggi, sull’affermazione della legalità e della trasparenza”.

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:27