Home > Notizie > Progetto PCCC: firmato il grant agreement

Progetto PCCC: firmato il grant agreement

Creato il:  13 Dicembre 2011

di RICCARDO COLETTA*

Nell’ambito del programma “Prevention of and Fight Against Crime” 2007-2013 della Commissione Europea e in seguito alla decisione della stessa, in data 18 novembre 2011, è stato inviato il Grant Agreement che assegna il finanziamento al progetto PCCC - Setting-up Police Cooperation and Customs Centers Network for Enforcing the Fight against Illicit Crime. Le attività inizieranno ufficialmente non appena controfirmato dalla CE.

Il progetto, di durata triennale, consiste nel realizzare una piattaforma integrata per la condivisione di dati e documenti che permetta all’Ufficio del Coordinatore Nazionale dei Centri di Cooperazione Polizia e Dogana (C.N.C.C.P.D.) e a quelli periferici di Ventimiglia, Modane, Chiasso e Thorl Maglern, la gestione di un work-flow ed un più efficace uso del patrimonio informativo condiviso.

Tale piattaforma, inoltre, dovrà consentire agli Uffici esteri, individuati nell’ambito del P.C.C. (Police Co-operation Centres), di ricevere hit positivi o negativi su richieste specifiche.

Per i centri nazionali un’applicazione Web costituirà il punto di partenza, una porta d’ingresso ad un insieme di servizi, come meccanismi di ricerca, di collaborazione, di gestione e di contenuti che potranno cambiare in base a esigenze future.

La sicurezza dell’intera infrastruttura sarà garantita dalle più moderne tecniche presenti sul mercato, nel rispetto degli standard di sicurezza informatica e delle internet security policy. In sintesi, il progetto promuoverà la cooperazione e il coordinamento tra le autorità PCCC e nazionali attraverso lo sviluppo armonizzato di strumenti informatici per lo scambio e l'analisi delle informazioni.

Il progetto svilupperà strumenti per la condivisione delle informazioni raccolte dai vari PCCC, come suggerito dalla decisione quadro GAI (2006/960/GAI) e la decisione di Prüm (2008/615/GAI), così come gli orientamenti UE sulle migliori pratiche per PCCC (13096/08 ENFOPOL 160 ENFOCUSTOM 86), la creazione di modelli standardizzati multilingue e la creazione di una interfaccia multilingue IT user-friendly.

Poiché le attuali procedure e soluzioni IT non sono omogenee, una fase preliminare di visite di studio e scambi sarà necessario, al fine di aumentare la comprensione reciproca e di individuare soluzioni che siano compatibili con i sistemi e le norme nazionali.

Il progetto risponde così perfettamente alle raccomandazioni degli orientamenti dell'Unione Europea, in cui si afferma che "un quadro preciso e aggiornato della criminalità consentendo una valutazione accurata dei rischi criminali è un fattore determinante nel quadro dello sviluppo di una politica di sicurezza, che mira a essere efficiente. I PCCC hanno l'autorità per apportare un importante contributo al quadro globale della lotta alla criminalità nelle loro regioni di confine e di posizionarsi come osservatori della criminalità transfrontaliera.

*Ufficio Attività Internazionali

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:27