Home > Notizie > Programma Erasmus +, al via il bando per l'offerta di formazione e opportunità di studio all'estero

Programma Erasmus +, al via il bando per l'offerta di formazione e opportunità di studio all'estero

Creato il:  27 Marzo 2017

Scade il 22 maggio 2017, l'invito a presentare proposte EACEA/07/2017, pubblicato nell’ambito del Programma Erasmus+, azione chiave 3: sostegno alle riforme delle politiche per attività di inclusione sociale attraverso istruzione, formazione e gioventù.

Il presente invito, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, serie C 80 del 15 marzo 2017, offre sostegno a progetti di cooperazione transnazionale nei settori dell’istruzione, della formazione e della gioventù. L’invito è diviso in due lotti:

  • istruzione e la formazione (Lotto 1)
  • gioventù (Lotto 2)

I progetti presentati nell’ambito del presente invito per entrambi i lotti hanno come obiettivo:

  • la divulgazione e/o l’incremento di buone prassi sull’apprendimento inclusivo avviate in particolare a livello locale. Nel contesto del presente invito, con il termine incremento si intende la replicazione di buone prassi su più ampia scala/il loro trasferimento in un contesto diverso o la loro attuazione a un livello più elevato/sistemico;

oppure

  • lo sviluppo e l’attuazione di metodi e pratiche innovativi per promuovere l’istruzione inclusiva e/o iniziative destinate ai giovani in specifici contesti.

Ogni domanda deve avere come oggetto un obiettivo generale e uno degli obiettivi specifici, che sono elencati separatamente per il Lotto 1 e per il Lotto 2. Gli obiettivi sia generali che specifici dell’invito a presentare proposte sono indicati in maniera esaustiva: le proposte che non ne tengono conto non saranno prese in considerazione.

Per quanto riguarda il “Lotto 1 – Istruzione e formazione”,  l’obiettivo è quello di aprire la strada a una futura alleanza di scuole per l’inclusione creando/sviluppando comunità di apprendimento tra soggetti diversi (istituti di istruzione ed erogatori di istruzione e formazione, autorità pubbliche, associazioni delle parti interessate e organizzazioni della società civile, imprese, ecc.) attivi nel settore dell’apprendimento inclusivo. Benché si preveda che i principali beneficiari di tali comunità di apprendimento siano le scuole, si raccomanda vivamente che i progetti proposti nell’ambito del presente invito coinvolgano anche altri settori dell’istruzione e della formazione formali e non formali (dall’educazione e cura della prima infanzia all’istruzione e formazione professionale [IFP], dall’istruzione superiore alla formazione continua), oltre che le parti interessate a livelli diversi (autorità, istituzioni, enti erogatori, docenti e discenti, ONG, comunità locali, imprese, famiglie, organizzazioni giovanili, ecc.) e i contesti di apprendimento informali.

Gli obiettivi specifici sono:

  • migliorare l’acquisizione di competenze sociali e civiche, promuovere la conoscenza, la comprensione e il riconoscimento dei valori fondamentali, incoraggiare il rispetto reciproco e il dialogo interculturale e contrastare tutte le forme di discriminazione;
  • promuovere l’istruzione e la formazione inclusive e incentivare l’istruzione degli studenti svantaggiati, anche offrendo sostegno a insegnanti, educatori e dirigenti di istituti di istruzione nella gestione della diversità e nella promozione della commistione socioeconomica nel contesto di apprendimento;
  • rafforzare il pensiero critico e l’alfabetizzazione mediatica tra i discenti, i genitori e il personale docente;
  • sostenere l’inclusione dei soggetti di recente immigrazione nelle strutture scolastiche di buona qualità, anche attraverso una valutazione delle conoscenze e il riconoscimento delle competenze acquisite.

Gli obiettivi specifici del “Lotto 2 – Gioventù” sono:

  • promuovere la partecipazione civica dei giovani sviluppando il ruolo del volontariato per l’inclusione sociale;
  • prevenire la radicalizzazione, che può sfociare in episodi di estremismo violento nei giovani, rivolgendosi ai soggetti a rischio di emarginazione o di esclusione sociale.

Possono presentare una proposta di progetto le organizzazioni pubbliche e private attive nel settore dell’istruzione, della formazione e della gioventù o in altri settori socioeconomici che svolgono attività transettoriali (per esempio, centri di riconoscimento, camere di commercio, organizzazioni professionali, associazioni della società civile, associazioni sportive e culturali, ecc.) nelle aree interessate dalla dichiarazione di Parigi (dichiarazione sulla promozione della cittadinanza e dei valori comuni di libertà, tolleranza e non discriminazione attraverso l’istruzione).

La dotazione di bilancio totale disponibile per il cofinanziamento dei progetti nell’ambito del presente invito a presentare proposte è di 10.000.000 euro, così ripartiti:

  • Lotto 1 - Istruzione e formazione 8.000.000 euro
  • Lotto 2 - Gioventù 2.000.000 euro

Le domande possono essere presentate esclusivamente da persone giuridiche aventi sede in uno dei seguenti paesi del programma:

  • i 28 Stati membri dell’Unione europea;
  • Islanda, Liechtenstein e Norvegia;
  • i paesi candidati all’adesione all’UE: ex Repubblica jugoslava di Macedonia e Turchia.

Il requisito minimo di composizione di un partenariato per il presente invito è di 4 organizzazioni che rappresentino 4 diversi paesi del programma.

Tutte le informazioni relative al presente invito a presentare proposte EACEA/07/2017 sono disponibili sul seguente sito web dell’EACEA (Education, Audiovisual and Culture Executive Agency).

Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:29