Home > Notizie > Question Time con il Ministro Brunetta sulle auto blu

Question Time con il Ministro Brunetta sulle auto blu

Creato il:  27 Ottobre 2010

Nel corso del Question Time tenutosi il 27 ottobre nell'aula di Montecitorio, il deputato Renato Farina (PdL) ha chiesto notizie al ministro Renato Brunetta sull'attività di monitoraggio e razionalizzazione delle auto di servizio in dotazione nelle amministrazioni pubbliche.

«Le criticità evidenziate dall'interrogante in riferimento alle autovetture di servizio utilizzate dalle pubbliche amministrazioni sono senz'altro condivisibili" ha risposto il ministro Brunetta. "E' vero, infatti, che gli organi di stampa hanno diffuso dati di dubbia attendibilità, rafforzando così nei cittadini la convinzione che le misure di contenimento dei costi assunte al riguardo negli ultimi anni non abbiano ottenuto i risultati attesi e che, quindi, l'utilizzo delle 'auto blu' continui ad essere un ingiusto privilegio a favore di politici ed amministratori. Per fare chiarezza sul tema ho ritenuto necessario avviare uno specifico monitoraggio sulle autovetture di servizio i cui risultati sono stati dettagliatamente illustrati nell'ambito della Relazione al Parlamento sullo stato della Pubblica Amministrazione (leggi l'allegato alla Relazione), da me consegnata lo scorso 20 ottobre ai Presidenti di Camera e Senato. Le rilevazioni - ha spiegato Brunetta - sono state effettuate in via telematica e hanno riguardato il numero di "auto blu" utilizzate, il numero e la qualifica degli assegnatari,  il costo complessivo delle autovetture e la loro percorrenza chilometrica. In particolare, per la prima volta è stata operata una opportuna distinzione tra "autovetture di rappresentanza politico-istituzionale" assegnate in uso esclusivo (auto "blu-blu"), "autovetture di servizio in uso non esclusivo" (auto "blu") e "autovetture di servizio operativo" (auto "grigie"). Dall'indagine  è emerso che il parco auto delle pubbliche amministrazioni risulta composto da circa 86.000 autovetture (escluse quelle con targhe speciali e/o dedicate a finalità di sicurezza e vigilanza).  Di queste, 5.000 rientrano nella categoria "blu blu"; 10.000 sono le "blu" e circa 71.000 le "grigie". Il monitoraggio ha consentito di acquisire dati aggiornati e affidabili, utili a garantire massima trasparenza alla materia; si conosce, finalmente,  l'effettiva natura e dimensione del fenomeno, presupposto per definire un piano di risparmi più efficace e mirato di quelli del passato. Sulla base dei dati raccolti  è dunque possibile ipotizzare un intervento normativo che, in linea con quanto richiesto dall'interrogante, sia in grado di migliorare il servizio nel suo complesso».

Brunetta ha poi illustrato alcune iniziative da adottare per una efficace razionalizzazione del parco vetture della Pubblica Amministrazione. «Si intende promuovere l'adozione di modalità innovative di gestione, quali, ad esempio, l'utilizzo di forme di car sharing, di noleggio con o senza conducente, l'istituzione di un registro inventariale telematico delle auto in proprietà delle pubbliche amministrazioni. Sulla base dei dati raccolti  - ha concluso Brunetta - è dunque possibile ipotizzare un intervento normativo che, in linea con quanto richiesto dall'interrogante, sia in grado di migliorare il servizio nel suo complesso e di dimezzare nell'arco di tre anni il parco auto di servizio della Pubblica amministrazione». Infine il Ministro Brunetta ha invitato tutti i cittadini a collegarsi online sul sito del Ministero, per conoscere e verificare (all'indirizzo /lazione-del-ministro/monitoraggio-auto-blu/presentazione.aspx) i dati analitici di ciascun automezzo dichiarato dalle 5.570 amministrazioni pubbliche che hanno risposto al monitoraggio.

Leggi l'approfondimento sui risultati del monitoraggio

Consulta i questionari

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:27