Regione Sardegna, integrazione delle strutture, dei processi e delle decisioni: a Cagliari il 20 luglio i risultati del Progetto "Qualità.due_E"

Tipo: 
Notizia

La qualità delle organizzazioni pubbliche dipende anche dalla loro capacità di garantire un raccordo fra strutture e processi organizzativi e decisionali. E’ questo l’assunto del Progetto Qualità.due_E: La qualità dell'organizzazione: processi e ruoli, realizzato da Formez PA per conto della Regione Autonoma della Sardegna con l’obiettivo di contribuire all’integrazione tra le strutture regionali attraverso la sperimentazione di modalità integrate di presa delle decisioni.

I risultati del Progetto, avviato a settembre 2016, saranno presentati il 20 luglio prossimo a Cagliari, nel corso di un incontro organizzato presso la Sala della Biblioteca Regionale, in viale Trieste 137.

In programma gli interventi di Filippo Spanu, Assessore regionale agli Affari Generali e di Marta Leonori, Commissaria straordinaria di Formez PA. Le conclusioni sono affidate al Presidente della Regione Sardegna, Francesco Pigliaru.

 

Due le linee di Azione principali del progetto:

  • la prima dedicata all’analisi e al miglioramento del funzionamento del Comitato di Coordinamento delle Direzioni generali, al fine di strutturarne il ruolo di supporto e integrazione delle decisioni e delle azioni strategiche della Giunta;
  • la seconda dedicata ad alcuni processi significativi in termini di strategicità e criticità nell’ambito delle policy regionali.

 

Nel corso dei lavori ci sarà spazio anche per una riflessione sulle competenze dei Dirigenti, con la presentazione di una ricerca che FormezPA ha realizzato nell’ambito del Progetto Qualità due_A. Il Progetto Qualità.due_E è attuato da Formez PA nell’ambito della Convenzione “Qualità istituzionale”, stipulata con la Regione Sardegna, e finanziato dal POR Sardegna FSE 2014- 2020 - Asse 4 – Capacità istituzionale e amministrativa Azione 11.3.3 Azioni di qualificazione ed empowerment delle istituzioni, degli operatori e degli stakeholders.

Immagine: 
q2e