Home > Notizie > Visita di studio a Parigi su Strategie e politiche di integrazione dei Rom e di altre comunità

Visita di studio a Parigi su Strategie e politiche di integrazione dei Rom e di altre comunità

Creato il:  15 Novembre 2012

di SERGIO VASARRI*

Nelle giornate del 6 e del 7 novembre il Progetto DIESIS – finanziato dal PON Azioni di Sistema – Obiettivo Convergenza e Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione 2007-2013 – ha realizzato una nuova attività a carattere transnazionale, organizzando e guidando una visita di studio di Amministrazioni locali e centrali italiane a Parigi per una serie di incontri di scambio e approfondimento in tema di strategie e politiche di integrazione dei Rom e di altre comunità o soggetti socialmente marginalizzati o a rischio di discriminazione.

La visita di studio, che ha coinvolto il Ministero della Pubblica Amministrazione e Semplificazione, l’Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziali e nove tra Amministrazioni regionali dell’Obiettivo Convergenza e dell’Obiettivo Competitività regionale e Occupazione (Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Lazio, Campania, Puglia, Calabria, Sardegna e Sicilia), ha rappresentato un momento di riflessione intorno al complesso tema dell’integrazione dei Rom, in particolare, nei contesti urbani attuali, con le diverse prospettive del mercato del lavoro, delle politiche di istruzione, della salute e abitative.
Tematiche trasversali che ben si sono prestate ad un lavoro congiunto delle Amministrazioni centrali e regionali, focalizzato a rilevare le strategie, i progetti e le iniziative innovative adottate o in cantiere in Francia, non da ultimo attraverso le opportunità e le criticità ivi emerse nell’utilizzo dei fondi strutturali e nazionali.
Inoltre, il confronto con un altro contesto europeo, particolarmente significativo in termini di benchmarking, ha consentito ai partecipanti di verificare le strategie di finanziamento adottate e le forme di sussidiarietà verticale e orizzontale messe in campo.

La complessità e l’intensità del programma, ha dato modo ai partecipanti di interagire con i loro omologhi nei differenti livelli di governo del sistema francese e con gli stakeholders e le loro rappresentanze associative a istituzionali.
Le giornate di lavoro, costruite con le due chiavi di lettura del confronto tra politiche nazionali e regionali, anche su specifiche politiche e progettualità sui diversi temi trattati, e del confronto su pratiche sia attraverso quanto realizzato a livello di strategia nazionale, sia attraverso quanto realizzato in singoli contesti territoriali, hanno registrato numeri rilevanti: quindici interventi di altrettanti relatori francesi, dieci soggetti istituzionali francesi partecipanti (con i loro livelli apicali), coinvolgimento di Ministeri, Authorities, Associazioni, Agenzie governative, la Regione Ile de France e l'Autorità di Gestione nazionale del FSE.
Un incontro e uno scambio di idee e pratiche destinato a proseguire nel tempo.

La visita di studio, secondo la metodologia del progetto DIESIS, ha vissuto un momento preparatorio nel laboratorio tenutosi il 25 ottobre scorso presso la Sala Monumentale della Presidenza del Consiglio dei Ministri: una sede prestigiosa che testimonia dell’interesse e del marcato rilievo delle attività progettuali specifiche.
L’incontro laboratoriale, fortemente partecipato dalle Amministrazioni locali e centrali, ha visto la partecipazione dei rappresentanti dei governi francesi e bulgari impegnati sul tema delle strategie e delle politiche di integrazione dei Rom di altri gruppi socialmente marginalizzati.
Aldilà della finalità di preparare i partecipanti alle visite di studio in programma sul tema in Francia, Bulgaria e presso il Consiglio d’Europa, l’attività ha risposto all’obiettivo del Progetto DIESIS di individuare e condividere buone pratiche sperimentate sull’inclusione sociale a livello nazionale ed europeo. In questo senso, l’evento ha coinvolto anche i rappresentanti della Commissione Europea.
Ma il ruolo di primo piano è stato svolto dal nostro sistema-Paese, con la partecipazione ai lavori di Amministrazioni centrali (Ministero del Lavoro, Ministero della Pubblica Amministrazione e Semplificazione,  l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali della Presidenza del Consiglio dei Ministri) e regionali, impegnate a realizzare interventi in quest’ambito, individuato come settore di policy strategico anche per il prossimo ciclo di programmazione comunitaria 2014-2020.

*Progetto DIESIS

Area tematica: 
Tipo di Contenuto: 
Data pubblicazione: 
Giovedì, 13 Luglio, 2017 - 12:28